Come definire il proprio marchio personale

Tempo di Lettura: 90 secondi

Musica Consigliata di Sottofondo: 

Prima di tutto voglio farti una domanda: quanto tempo dedichi alla comunicazione del tuo brand personale? Pensaci un attimo. Nella tua settimana lavorativa, quanto tempo dedichi a produrre pensieri ed azioni in attività comunicative con la stessa dedizione che impieghi nel tuo “vero” lavoro?

Nella nostra quotidianità siamo indaffarati, o meglio, focalizzati, su attività che noi reputiamo estremamente importanti e prioritarie: nel nostro lavoro, nella nostra attività, nelle nostre relazioni, nel nostro fare, e fare, e fare…

E a volte ci capita anche di pensare…”questo ora lo pubblico su Facebook”.

Succede spesso, no? Secondo te, questo approccio, è utile?

Ecco, voglio dirti una prima cosa fondamentale:

LA COMUNICAZIONE E’ PARTE DEL TUO LAVORO SETTIMANALE.

E’ una questione di attitudine, impostazione mentale, e di impostazione del lavoro. Se sei un professionista, o una micro-impresa, una buona parte del tuo lavoro dovrà essere necessariamente investito in attività comunicative. A volte ne verrai assorbito per la quasi la totalità del tuo tempo. Ed allora ti chiederai: “ma quando lavoro?”

Bella, domanda, ma non è una domanda utile. La verità è che per muovere il tuo fatturato dovrai necessariamente affrontare una fase di setup del tuo brand personale. Un setup che si rivela estremamente importante perché è il solo momento in cui puoi concentrarti sulla definizione della tua identità, della tua strategia, e di un piano di battaglia. 

All’inizio penserai tanto, troppo, senza forse aver ancora gli strumenti e l’esperienza adeguata per fare le cose al meglio. Probabilmente qualcosa sbaglierai, ma non è un dramma. L’esperienza si fa strada facendo e anche quello che farai migliorerà strada facendo. Quindi non disperate.

Ecco un pò di esercizi utili a raggiungere i tuoi obiettivi.

ESERCIZIO N.1: Definisci la tua IDENTITA’

Sembra una cosa noiosa, ed inutile, ma te lo assicuro, non lo è affatto. Per cominciare bisogna avere dei punti fermi, delle risposte fondamentali a domande apparentemente semplici, ma che richiedono immediatamente una risposta.

Come si diceva una volta, “prendi carta e penna”, o molto più semplicemente, apri un qualsiasi strumento digitale dove tu possa annotarti delle risposte.

Prenditi 10 minuti del tuo tempo e compila il tuo QUESTIONARIO.

DEFINISCI IL TUO MARCHIO PERSONALE

  1. Quali problemi risolve la mia attività alle persone o aziende con cui interagisco al lavoro?
  2. Quando le persone (amici, colleghi, famiglia, clienti, concorrenti, ecc…) vogliono un consiglio, che domande mi pongono?
  3. Quali sono le mie principali abilità e attributi chiave?
  4. A chi mi rivolgo? Chi sono i miei clienti?
  5. (la più importante) Perché le persone/aziende dovrebbe scegliere me e non qualcun’altro?

Pensaci un attimo, e scrivi le tue risposte punto per punto.

Quindi metti una data in alto: ecco, hai appena tracciato l’inizio della tua strada.

Conserva sempre con te quanto scritto: quando ti senti smarrito nelle tue incertezze, sarà la bussola che ti metterà in carreggiata.

Dagli una lettura una volta al mese. Sarà utile per verificare verso quale direzione stai andando, o se sia necessario (e accade quasi sempre) dover modificare e rivedere uno di questi punti, anche più volte.

Perché il business è incerto, le opportunità infinite e le strategie non sempre azzeccate.

E se pensi di non esserne capace, o se ti chiedi nel panico “si, ma da dove inizio?”, ecco quello che fa per te: un personal trainer della comunicazione, ovvero un consulente esperto di personal branding, che ti possa consigliare, stimolare, suggerire, monitorare, correggere, aiutare a definire la tua identità e le attività da svolgere.

 

There are no comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart